S.S.V.D. Struttura di vigilanza

Area prevenzione

 

Le funzioni svolte dalla suddetta struttura sono le seguenti:

  • funzione di vigilanza sulle strutture sociosanitarie, socio-assistenziali e socioeducative di cui alla LR 1/2004 e s.m.i.;
  • procedimenti amministrativi di cui all’art. 26 comma 1 della LR n.1/2004 e s.m.i.

Tali funzioni si svolgono nei seguenti ambiti:

  • ambito di natura tecnica e vincolata, inerente la verifica dei requisiti di funzionamento (strutturali, tecnologici, organizzativi, gestionali e soggettivi del Legale Rappresentante e del Gestore) necessari per il conseguimento o il mantenimento del regime autorizzativo e di accreditamento, nonché il rispetto delle condizioni del contratto;
  • ambito relativo al controllo di appropriatezza, riguardante direttamente i destinatari dei servizi, inerente alla verifica in termini assistenziali e organizzativi dell’erogazione delle prestazioni all’utente, alla verifica della corretta classificazione degli utenti in coerenza con le regole regionali per le specifiche tipologie di strutture, alla verifica dell’efficacia ed efficienza degli interventi, nonché l’uso appropriato delle risorse;
  • ambito, di natura programmatoria e strategica, inerente alla qualità dei servizi erogati, dedicato alla valutazione della qualità dell’assistenza e del benessere degli ospiti, nonché alla promozione di azioni di miglioramento, le cui attività sono effettuate necessariamente, ma non esclusivamente, sulla base delle suddette verifiche che costituiscono in ogni caso condizione e premessa necessaria;

La struttura opera avvalendosi della Commissione di Vigilanza. La composizione e le funzioni della Commissione di Vigilanza sono definite con apposita deliberazione aziendale.

Il dirigente medico responsabile di tale struttura assume anche la funzione di Presidente della Commissione di vigilanza ed è il Responsabile dei procedimenti amministrativi di competenza della struttura.

Il Responsabile della Struttura di vigilanza provvede a:

  • definire il calendario dell’attività ispettiva ed organizzare la stessa (individuandone tempi e modi) al fine del rispetto del Piano di vigilanza annuale;
  • individuare all’interno dell’Azienda eventuali altri professionisti a supporto della Commissione, allorché ciò si renda necessario in singole fattispecie in ragione delle specificità dell’attività istruttoria da condurre;
  • garantire le funzioni di raccordo con la Direzione Distrettuale/Generale e con le Direzioni Regionali.

Alla struttura sono assegnate le risorse per poter svolgere in autonomia il mandato. I componenti della Commissione di vigilanza possono essere assegnati alla struttura stessa ovvero essere messi a disposizione da altri servizi per acquisire, all’interno della commissione, le competenze tecniche specifiche necessarie.

Contatti:

Responsabile:

Margherita Gulino (facente funzione)

modificato 31/07/2023 - 14:27