Attività

Sicurezza alimentare

 

Cosa si intende per sicurezza alimentare.

Secondo il Codex Alimentarius la sicurezza alimentare è “la garanzia che un alimento non causerà danno dopo che è stato preparato e/o consumato secondo l’uso a cui esso è destinato”. La sicurezza alimentare può essere garantita solo da pratiche adeguate di produzione e manipolazione degli alimenti, che nel loro insieme costituiscono una serie di misure di prevenzione e di controllo dei rischi. Se queste misure non sono applicate correttamente, gli alimenti contaminati da diversi agenti (di natura fisica, chimica o microbiologica) possono causare una serie di patologie, che in qualche caso si rivelano anche letali.

Compiti dell'ASL.

La sicurezza alimentare è materia interdisciplinare che vede coinvolti i Servizi Veterinari (Sanità animale, Igiene della produzione degli alimenti di origine animale e loro derivati, Igiene degli allevamenti e delle Produzioni Zootecniche), il Servizio di Igiene degli Alimenti e Nutrizione e, per taluni aspetti specifici, il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, tutti all’interno del Dipartimento di Prevenzione. All'ASL spettano, nell’ambito della sicurezza alimentare, la pianificazione, la programmazione e l’esecuzione a livello locale dei controlli ufficiali sugli OSA (Operatori Settore Alimentare) e OSM (Operatori Settore Mangimi): 

  • campionamenti ed analisi, ispezioni, audit e verifiche su imprese che producono alimenti, mangimi e MOCA;
  • controllo e monitoraggio delle malattie animali;
  • controllo e monitoraggio dell'utilizzo di farmaci veterinari in allevamento.

Come si fa a stabilire se un prodotto alimentare è pericoloso.

Per determinare se un prodotto alimentare sia pericoloso, si tiene conto delle normali condizioni di utilizzo, delle informazioni fornite al consumatore, del probabile effetto immediato o ritardato sulla salute, delle conseguenze tossiche cumulative e delle particolari sensibilità di una categoria di consumatori. Nessun prodotto alimentare viene commercializzato se è pericoloso, vale a dire se è nocivo per la salute e/o non adatto al consumo umano. Quando un prodotto alimentare pericoloso fa parte di un lotto o di una partita, tutto il lotto è ritenuto pericoloso.

Cosa succede quando sul mercato vengono introdotti prodotti alimentari pericolosi.

Gli OSA hanno l’obbligo di ritirare gli alimenti pericolosi dal mercato. In aggiunta al ritiro, qualora il prodotto fosse già stato venduto al consumatore, l’OSA deve inoltre provvedere al richiamo, cioè deve informare i consumatori, anche mediante cartellonistica da apporre nei punti vendita, e a pubblicare il richiamo nella specifica area del portale del Ministero della Salute

Come reperire informazioni utili sulla sicurezza alimentare

Elenco di siti consigliati:

modificato 19/02/2021 - 11:54