Centri Diurni anziani

Cos'è un centro diurno

Il progetto UVG semiresidenziale prevede un soggiorno diurno in appositi Centri collocati di solito presso le R.S.A. e il rientro a casa per la notte. L'assistenza notturna al domicilio è assicurata da un familiare, un parente o una badante.

Richiesta di valutazione allo Sportello unico socio-sanitario

Il familiare/tutore dell'anziano ultrasessantacinquenne non autosufficiente si rivolge ai servizi sociali presso i Comuni di residenza oppure allo sportello unico socio-sanitario territorialmente competente che accoglie la richiesta di valutazione/segnalazione per attivare il percorso di valutazione.
Quando esistono problemi complessi di diagnosi, assenza di familiari, scarsità di risorse economiche o socio-culturali, multiproblematicità sociale, l'UVG (Unità di Valutazione Geriatrica) formula un progetto assistenziale personalizzato (residenzialità temporanea o definitiva, domiciliarità o semiresidenzialità con sollievo) definendo il grado di autosufficienza e compilando la scheda valutativa finale.

Inserimento in lista

Se emerge la necessità di inserire l'anziano in un Centro Diurno Alzheimer, l'UVG invia la scheda valutativa comprensiva dei punteggi sociale e sanitario all'UCAT (Ufficio Coordinamento Attività Territoriali) che provvederà all'inserimento in una lista unica per tutte le quattro sedi dell'Azienda Sanitaria e per tutti i gradi di assistenza richiesta (RAF, RSA, Centro Diurno Alzheimer, RSA Alzheimer). La lista d'attesa, ordinata per punteggio, non ha scadenza. È prevista la possibilità di chiedere una nuova valutazione in funzione dell'aggravamento delle condizioni di salute e sociali.

Quali sono i tempi di attesa per l'accesso

I tempi di attesa per l'accesso ai Centri Diurni Alzheimer sono correlati alla disponibilità dei posti in convenzione e alla posizione in graduatoria.

Inserimento in struttura convenzionata

Quando l'assistito in lista d'attesa ha diritto all'inserimento in struttura, il familiare/tutore riceverà una raccomandata con tutte le indicazioni necessarie.

Cosa succede in caso di rifiuto all'inserimento

Nel caso di rifiuto temporaneo all'inserimento l'anziano sarà collocato in una lista dei sospesi e verrà reintegrato in graduatoria a richiesta del familiare/tutore che dovrà rivolgersi per questo ai Servizi Sociali.

Rette di degenza

Trattandosi di strutture a valenza socio assistenziale è previsto un concorso alle spese cosiddette "alberghiere" da parte dell'utente. Per i Centri Diurni non vengono applicati i L.E.A. fino a nuove disposizioni regionali. Si ricorda che in caso di inserimento diretto, dunque non tramite ASL, la retta è a totale carico dell'utente.

Contributo per utenti con difficoltà economiche

Nel caso di utente con reddito non sufficiente a pagare in tutto o in parte la retta di competenza, la differenza può essere integrata dal consorzio socio assistenziale purchè i requisiti reddituali ed economici lo consentano.