Trattamenti depurativi in terapia intensiva e semintensiva

Direttore: Dr Mario Salomone

Medico referente: Dr Emanuele Stramignoni

Personale infermieristico: tutta l'equipe della Dialisi è addestrata a queste tecniche depurative

Trattamenti indicati in pazienti critici nelle seguenti patologie:

  • Insufficienza renale acuta e cronica

  • shock settico

  • scompenso cardiaco congestizio, con inadeguata risposta alla terapia farmacologia

  • malattie autoimmuni in cui è indicata la terapia plasmaferetica

La terapia viene effettuata presso le unità di terapia intensiva o semintensiva dell'ASL TO5.

Le tecniche disponibili per quanto riguarda l'insufficienza renale sono:

  • CVVH (emofiltrazione veno-venosa continua)

  • VVHDF (emodiafiltrazione veno-venosa continua)

  • CVVHD (emodialisi veno-venosa continua)

  • IVH (emofiltrazione continua ad alti volumi) continua o intermittente

La tecnica utilizzata nello scompenso cardiaco:

  • SCUF (ultrafiltrazione lenta continua)

Le tecniche disponibili per quanto riguarda lo shock settico sono:

  • CPFA (Emofiltrazione + Plasmafiltrazione accoppiata ad adsorbimento di mediatori dell'infiammazione)

Rimozione di endotossine nello shock da Gram negativi tramite membrane adsorbenti

  • IVH (emofiltrazione continua ad alti volumi) continua.

Nelle malattie autoimmuni: è possibile eseguire la plasmaferesi terapeutica su indicazioni Neurologiche (ad es. Sindrome di Guillain-Barrè).