Residenza Latour

Direttore Amministrativo:

Latour3

 

Direttore Sanitario: dott.ssa Teresa Bevivino

Sede
Strada Revigliasco, 7 - 10024 Moncalieri

Contatti
Reception: tel. 011/6488.511
Direttore Amministrativo: 011/6488.537-538
Direttore Sanitario: tel. 011/6488.546
Fax 011/64.88.521
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 


La Struttura

La Residenza Latour, ubicata sulla collina moncalierese, è composta da un edificio che si sviluppa su quattro piani; può ospitare fino a 120 anziani non autosufficienti in regime residenziale, oltre che 20 anziani non autosufficienti affetti da malattia di Alzheimer e patologie correlate in regime diurno.

Le camere di degenza, tutte attrezzate per un massimo di 2 posti letto, sono dotate di anticamera e servizio igienico interno attrezzato per disabili.

La struttura è provvista di un ampio parco esterno arredato, che assicura all'utente confortevoli passeggiate all'aria aperta, e di un panoramico solarium. Agli utenti affetti da morbo di Alzheimer sono riservate particolari aree esterne attrezzate, ove gli spazi verdi sono stati creati appositamente per preservare l'incolumità del paziente, selezionando con cura ogni tipo di vegetazione e delimitandone i percorsi obbligatori.

La struttura si trova all'interno di una buona rete di pubblici trasporti  e, nelle immediate vicinanze, sono presenti parcheggi gratuiti.

La cartina riporta l'ubicazione della residenza Latour.

 

Torna inizio pagina


Come raggiungerci

latour

 
La Residenza Latour è raggiungibile CON IL TRASPORTO PUBBLICO DA:

- NICHELINO

Autobus 39 dalla fermata 8104 in Via Massimo d'Azeglio piazza Baden Baden (Moncalieri) - piazzale Caio Mario - Direzione: Baden Baden Capolinea fino alla fermata 1055 PONTE PO; da qui alla Fermata 1055 - PONTE PO Autobus 45/ piazza Carducci (Santena) - largo Marconi - Direzione: Carducci Capolinea fino alla Fermata 1047 - FAILLA CAPOLINEA. Infine, si prosegue a piedi in direzione "Revigliasco" fino al numero 7 di strada Revigliasco (durata totale percorso circa 34 min).

- TROFARELLO

Autobus - 45 - piazza SS. Cosma e Damiano (Santena) - largo Marconi - Direzione: D' Azeglio Capolinea- Fermata 2635 - ROCCHETTE Fermata 1049 – fino alla fermata 1049 FAILLA . Da qui a piedi, in direzione "Revigliasco", a Strada Revigliasco, 7 (durata totale percorso circa 23 min).

- LA LOGGIA

Autobus - 82 Fermata 6058 - BARAUDA - Circolare (Moncalieri), piazza Caduti per la Liberta - Via Santa Maria - piazza Caduti per la Liberta - Direzione: Caduti Per La Liberta' Capolinea Fino alla Fermata 1055 - PONTE PO (ID sosta: 1055). Da qui Autobus - 45/ - piazza Carducci (Santena) - largo Marconi - Direzione: Carducci Capolinea - Fermata 1055 - PONTE PO 13.08 Indirizzo di arrivo Fermata 1047 - FAILLA CAPOLINEA (ID sosta: 1047). Infine, si prosegue a piedi in direzione "Revigliasco" fino al numero 7 di strada Revigliasco (durata totale percorso circa 45 min).

 

Torna inizio pagina


La tipologia dei servizi offerti

La Residenza Latour offre ai propri utenti i seguenti servizi:
Ricoveri in regime residenziale:
• a tempo indeterminato, nei casi in cui non è più attuabile il mantenimento dell'anziano non autosufficiente al proprio domicilio;
• a tempo determinato: è il cosiddetto "Ricovero di Sollievo", rivolto ad offrire un supporto temporaneo alle famiglie che si occupano a domicilio di anziani non autosufficienti
Ricoveri in regime diurno dal lunedì al venerdì, escluse le festività infrasettimanali. L'utente ha facoltà di scelta degli orari di ingresso e di uscita, articolati in due fasce orarie:
• Ingresso: 08.00 - Uscita: 16.00
• Ingresso: 08.30 - Uscita: 16.30
L'inserimento può avvenire a titolo privato o in regime di convenzionamento a seguito di valutazione della Azienda sanitaria di residenza dell'assistito.

 

Torna inizio pagina


Organizzazione dei servizi  - Progetto di gestione

In ottemperanza alla D.G.R. n. 45 -4248 del 30 luglio 2012, la Residenza è organizzata in modo dinamico e flessibile per poter seguire l'utente nella sua "instabilità e variabilità". La Direzione della Residenza definisce annualmente, in base alla richiesta dell'utenza e al cambiamento dei bisogni che si dovessero manifestare, le tipologie di intervento erogabili, calibrate sui diversificati bisogni della non autosufficienza e delle cronicità.

Il modello organizzativo dei servizi residenziali che si persegue nella Residenza pertanto si articola secondo le fasce assistenziali di cui alla successiva tabella "Modello organizzativo per l'assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria per anziani non autosufficienti" distinte in base alla complessità delle prestazioni specificate.

La fascia d'intensità assistenziale (alta-incrementata - alta - medio-alta – media - medio-bassa -o bassa) è individuata sulla base delle modalità previste dalla D.G.R. 42-8390 del 10 marzo 2012 e s.m.i. Per ogni fascia assistenziale individuata sono definiti la tipologia di utenza e del progetto assistenziale appropriato rispetto ai bisogni individuali e sono altresì indicati gli standard minimi da garantire in termini di minuti/giorno/utente, che sono indicati nella Tabella 1.

Il Progetto di gestione è descritto nei dettagli alla pagina 9 e seguenti del Regolamento della residenza.

 


Criteri per l'ammissione alla residenza

I Nuclei Residenziali

La Residenza ospita persone non autosufficienti, elettivamente anziani, portatori di particolari patologie geriatriche, neurologiche e neuro psichiatriche stabilizzate. L'indicazione alle cure presso la Residenza è disposta in base alla valutazione multidimensionale operata dalla Unità di valutazione geriatrica (U.V.G.) dell'ASL di appartenenzadell'assistito. La relativa documentazione è acquisita dalla Residenza.

Alla Residenza possono afferire, in via del tutto eccezionale, anche persone di età non inferiore ai 45 anni, purché affette da disabilità cronica ad andamento evolutivo, per le quali non sia possibile la cura domiciliare e per le quali l'organizzazione e il contesto della struttura risultino adeguati al massimo sviluppo delle residue capacità relazionali e al progetto assistenziale. In tali casi l'indicazione alle cure presso la Residenza deriva dalla valutazione congiunta delle Unità di valutazione geriatrica e handicap.

 

Il Centro Diurno Alzheimer Integrato

L'ammissione al C.D.A.I. è disposta sulla base di un progetto individualizzato redatto in collaborazione con i servizi sanitari e socio assistenziali del Distretto, previa valutazione multidimensionale dell'utente, con l'accordo della U.V.G. dell'ASLTO 5.
La frequenza al Centro, se prevista nell'ambito del progetto individualizzato, può anche essere limitata a pochi giorni alla settimana, nel rispetto delle modalità di funzionamento del Centro.

 

Torna inizio pagina


Come si accede

La prenotazione dell'inserimento avviene previa presentazione alla Direzione della Residenza Latour della documentazione:


a) dell'ASL di appartenenza dell'assistito, che certifica l'inserimento in regime di convenzione;

b) sanitaria del Medico di Medicina generale o del Medico Specialista che certifica le condizioni psico fisiche ed il grado di autonomia dell'assistito, nel caso di ricovero in regime privato.

L'eventuale lista d'attesa delle prenotazioni è realizzata tenendo conto della data di presentazione della domanda. Nel caso di indisponibilità immediata del posto, al verificarsi della disponibilità dell'inserimento, la Direzione di struttura ne dà comunicazione all'utente/parente/care giver, concordando il giorno dell'inserimento.

 

Torna inizio pagina


Documentazione per l'accesso

All'ingresso in Residenza, l'utente deve avere con sé:

  • documento d'identità valido;
  • codice fiscale;
  • tessera sanitaria;
  • ricevuta di versamento di cauzione pari a n° 1 mensilità (esclusi l'inserimento in Ricovero di sollievo e in caso di integrazione della retta a carico dell'Utente da parte dell'Ente gestore dei Servizi Socio Assistenziali );
  • ricevuta di versamento anticipato della retta mensile;
  • eventuali attestati per il godimento dell'esenzione ticket;
  • documentazione clinica recente;
  • elenco capi di abbigliamento personali;
  • elenco oggetti preziosi affidati in custodia.

 

Torna inizio pagina


Dimissioni

Qualora l'utente intenda dimettersi volontariamente per tornare in famiglia o trasferirsi presso altra struttura, deve essere dato preavviso all'amministrazione almeno 15 giorni prima, salvo corrispondere in alternativa una somma corrispondente ai giorni di mancato preavviso. Sono fatti salvi i casi documentati di emergenza.

Scaricare 

 

Torna inizio pagina


I costi/la retta giornaliera

L' importo della retta giornaliera

L'importo della retta giornaliera complessiva (sanitaria ed alberghiera), per le prestazioni erogate nella residenza e previsti dal presente Regolamento, è approvato dalla ASL TO5, in accordo con gli enti gestori dei SSA del territorio, ai sensi della normativa regionale vigente in materia.

Gli importi così determinati sono applicati anche per i ricoveri a tempo determinato (cd ricoveri di sollievo).

Degli eventuali aumenti della retta giornaliera (compresi l'entità e la decorrenza) verrà data comunicazione scritta all'Utente/Impegnatario dall'ASL TO5.

L'utente inserito in regime privato deve corrispondere l'intero importo della retta (sanitaria e alberghiera).

La retta sanitaria

L'ASL di appartenenza dell'assistito garantisce il pagamento della quota parte di spettanza sanitaria, secondo la ripartizione di cui alla normativa regionale vigente in materia, per ogni utente ricoverato.

La retta sanitaria comprende tutte le prestazioni indicate nell' articolo 4 del Regolamento della Residenza.

La sua corresponsione cessa il giorno successivo al verificarsi dell'assenza (dimissione, decesso, ricovero ospedaliero, assenze brevi,...) e riprende a decorrere dal giorno di rientro in struttura.

La retta alberghiera

La quota alberghiera della retta giornaliera, secondo la ripartizione prevista dalla normativa regionale vigente in materia, - applicata nella stessa misura e con le stesse modalità anche ai ricoveri a tempo determinato -, è a carico del singolo utente che, se non in grado di provvedervi, dovrà tempestivamente dichiararlo al fine di ottenere le integrazioni economiche necessarie da parte degli Enti territorialmente competenti titolari delle funzioni socio-assistenziali.

La retta alberghiera comprende tutte le prestazioni ed i servizi indicati nell' articolo 5 del Regolamento della Residenza.

L'Utente / Impegnatario può avanzare richiesta di prestazioni straordinarie di tipo alberghiero o assistenziale direttamente alla Direzione della residenza che, dopo averne valutato l'opportunità, rilascerà eventuale autorizzazione, comunicando all'interessato i relativi costi.

Gli importi delle tariffe, per eventuali servizi a pagamento non ricompresi nella retta alberghiera, definite dalla Direzione Generale ASL TO5 su proposta della Ditta aggiudicataria, sono disponibili presso gli Uffici amministrativi della struttura.

Le modalità di pagamento

La corresponsione dell'importo mensile (retta giornaliera per n. giorni di presenza al mese) della retta a carico dell'Utente, anche in caso di ammissione all'integrazione da parte dell'Ente gestore dei SSA, deve avvenire entro il giorno 10 di ogni mese.

Ai fini del conteggio dell'addebito mensile, la giornata di ingresso viene considerata giornata di presenza effettiva. Successivamente la presenza dell'Utente viene convenzionalmente rilevata alle ore 00,00 ogni giorno.

La fattura della retta mensile conterrà anche eventuali spese extra per l'erogazione di servizi aggiuntivi a carico direttamente dell'Utente relativi al mese precedente ed evidenziati in modo chiaro sulla fattura.

Conservazione del posto

Solo in caso di assenza per ricoveri in ospedale, la retta alberghiera non verrà corrisposta. E' garantito il mantenimento del posto letto. Qualora il ricovero in ospedale dovesse protrarsi per lunghi periodi di tempo si concorderà con l'utente/parenti la modalità per il reinserimento in Residenza.

In caso di decesso, non è dovuta la retta alberghiera dal giorno successivo al verificarsi dell'evento.

Nel caso in cui l'Utente intenda lasciare provvisoriamente la struttura, (fatto salvo la condizione di ricovero ospedaliero), è tenuto a darne comunicazione alla Direzione di Struttura, concordando le modalità di dimissione temporanea e di successivo rientro. Il tempo massimo concesso è pari a n. 7 giorni durante i quali verrà scalato dalla retta il solo costo dei pasti non consumati.

In caso di dimissioni la quota verrà quantificata sulla base dei giorni di effettiva presenza e conguagliata all'Utente /Impegnatario.

In caso di rinuncia, a qualsiasi titolo o per qualsiasi causa, alla permanenza nella struttura, l'Utente è tenuto a dare un preavviso di almeno 15 giorni alla Direzione della Struttura mediante formale comunicazione, pagando fino al 15° giorno l'intera rata maturata, in caso di mancato preavviso. La rinuncia si ritiene confermata dalla data di iscrizione a Protocollo di corrispondenza della richiesta. Detta conferma non è prevista nel caso di compilazione dell'apposito modulo "DIMISSIONE DALLA RESIDENZA", alla presenza del Responsabile di Struttura o suo delegato.

Corresponsione della retta alberghiera integrata dall'ente gestore dei SSA

Nel caso in cui l'utente sia ammesso all'integrazione della stessa retta alberghiera da parte dell'Ente gestore dei SSA di riferimento, il versamento è effettuato direttamente dall'Ente all'ASL TO5. La corresponsione di tale quota della retta alberghiera cessa il giorno successivo al verificarsi dell'assenza (dimissione, decesso, ricovero ospedaliero, assenze brevi,...) e riprende a decorrere dal giorno di rientro in struttura.

Deposito cauzionale

L'Utente verserà, all'atto della ammissione in struttura, a titolo di cauzione sul pagamento delle rette mensili, una somma corrispondente ad una mensilità intera.In caso di frequenza part – time al servizio diurno, la somma è ridotta del 50%.

Detta cauzione non è dovuta nel caso di ricoveri a tempo determinato (cd. Ricoveri di sollievo) e nel caso in cui l'utente sia ammesso all'integrazione della retta da parte del competente Ente gestore dei servizi Socio Assistenziali.

Tale somma sarà restituita, comprensiva degli interessi maturati secondo il tasso legale annuo, entro trenta giorni dalla data in cui viene lasciato il posto occupato.

All'atto del versamento della cauzione, verrà rilasciata regolare fattura.

I costi per il trasporto in ambulanza per persone non altrimenti trasferibili:

  • per l'effettuazione di prestazioni diagnostiche, specialistiche, qualora non erogabili direttamente nell'ambito della struttura residenziale, o per ricovero ospedaliero programmato, per gli utenti in convenzione con integrazione tariffaria da parte dell'Ente gestore delle funzioni socio-assistenziali, sono a carico dell'ASL di residenza della persona; coloro che non fruiscono di detta integrazione tariffaria provvedono in proprio al pagamento del costo del trasporto;
  • per il rientro da ricovero ospedaliero sono a carico della struttura in quanto compresi nella tariffa giornaliera;
  • detto servizio è a carico dell'utente per il rientro a domicilio, il trasferimento in altra struttura e/o per motivi per esigenze personali diverse da quelle di ordine sanitario o socio–assistenziale di cui al precedente capoverso. I costi relativi sono indicati in apposite tabelle pubblicate mediante affissione nei locali della struttura.

 

Torna inizio pagina


Orari visite

Tutti i giorni dalle ore 8.00 alle ore 20.00 (previa identificazione presso la reception). Le visite sono consentite anche durante l'orario dei pasti.

 

Torna inizio pagina


 Fattori e standard di Qualità

Mission

La Residenza LATOUR si è inserita nel panorama delle strutture socio sanitarie, con il preciso scopo di offrire un servizio qualificato e professionale, ponendo il paziente al centro dell'attenzione, sia dal punto di vista sanitario che sociale, nel rispetto dell'individualità, della riservatezza e della dignità della persona, considerandone i peculiari bisogni psichici, fisici e sociali, in stretta collaborazione con la famiglia ed i servizi del territorio.

Politica

Consapevole dell'importanza assunta dalla qualità per lo sviluppo della struttura, la Direzione intende impostare la propria politica aziendale su un miglior controllo dell'organizzazione dei processi e dei servizi erogati, anche attraverso l'attuazione di un Sistema di Gestione della Qualità.

Gli impegni che la Direzione intende perseguire e garantire nel tempo sono:

  • ricercare costantemente la soddisfazione dei propri assistiti (e delle loro famiglie) attraverso modalità operative e mezzi finalizzati al miglioramento della qualità della vita ed alla riabilitazione fisica e psicologica;
  • perseguire livelli di salute ottimali, nell'ottica dell'approccio multidimensionale alla persona, conservando, ripristinando o sviluppando le capacità funzionali residue dell'anziano;
  • garantire al cliente un'assistenza qualificata con interventi personalizzati, effettuando una formazione continua del personale al fine di sostenerne la motivazione e rivalutarne la preparazione professionale, in ragione del fatto che gli interventi di tutte le figure professionali sono finalizzati al soddisfacimento dei bisogni della persona anziana non autosufficiente;
  • verificare costantemente i risultati del lavoro multidisciplinare svolto attraverso la formulazione di programmi terapeutici e riabilitativi, documentati in Cartella Clinica;
  • rendere trasparenti all'esterno le varie attività della struttura;
  • garantire al personale ed ai degenti l'utilizzo di mezzi ed attrezzature efficienti e sicure;
  • prevenire i problemi ed intervenire comunque con celerità per risolvere quelli che si siano manifestati, definendo azioni per evitare che si ripetano;
  • rispettare la legislazione vigente rispetto alle attività compiute;
  • razionalizzare le spese, attraverso un'analisi costante del processo di erogazione del servizio che tenga conto delle risorse disponibili e dei vincoli di bilancio.

La Direzione della Residenza inoltre si pone quale obiettivo fondamentale il rispetto dei diritti degli Utenti indicati all'articolo 9 - Decalogo dei Diritti dell'Utente- del Regolamento di struttura.

La Direzione si impegna pertanto a promuovere:

  • l'uguaglianza degli utenti/ospiti nei confronti dei servizi erogati, intesa non solo come uniformità ed imparzialità delle prestazioni, ma anche come assoluto divieto di discriminazione nei confronti di esigenze particolari,
  • il rispetto per la dignità della persona e delle specificità individuali senza distinzioni di nazionalità, etnia, religione, lingua, condizioni economiche e opinioni politiche – teso alla realizzazione di un rapporto di piena fiducia,
  • l'integrità e l'onestà come fonti di ispirazione quotidiana,
  • la continuità dell'erogazione del servizio, mediante la predisposizione di appositi turni di servizi assistenziali e di cura,
  • l'efficacia e l'efficienza, dell'attività lavorativa e gestionale cercando costantemente di erogare le prestazioni in modo razionale, senza spreco di risorse e nella ricerca di una qualità sempre migliore.

In particolare si prefigge come obiettivi per migliorare la Qualità dei servizi:

  • la creazione di un sistema di monitoraggio continuo del livello di soddisfazione (del degente e delle famiglie) che accolga, esamini e gestisca con sollecitudine i reclami ed i suggerimenti degli assistiti e le osservazioni del personale e li traduca in azioni di miglioramento del servizio erogato,
  • l'istituzione e il mantenimento di un Sistema di Gestione della Qualità certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 e norma nazionale di settore UNI 10881, specifica per i servizi residenziali per anziani,
  • il miglioramento dei processi comunicativi interni ed esterni in quanto strumenti di comprensione delle realtà, finalizzati ad individuare le attese delle persone, raccoglierne i suggerimenti ed approntare le risposte adeguate.

Altri aspetti connessi sono:

  • la definizione di un adeguato sistema di monitoraggio della Qualità mediante opportuni indicatori di Qualità,
  • le azioni preventive e di controllo per evitare insoddisfazioni dell'Utente,
  • il continuo riesame dei risultati conseguiti per individuare possibilità di miglioramento,
  • l'ottimizzazione di costi connessi con la Qualità.

Tutto il personale operante nell'Organizzazione deve essere consapevole dell'importanza che la Qualità riveste in ogni settore; è quindi tenuto e motivato a seguire le regole contenute nei documenti relativi al Sistema di gestione per la qualità.

Per garantire quanto dichiarato la Direzione riesamina gli obiettivi per la qualità e la politica tutta, annualmente in sede di Riesame della Direzione, per accertarne la continua idoneità.

Moncalieri, 1° marzo 2014

 

Visualizza

 

Torna inizio pagina